MEDAGLIA ALLA MEMORIA

Conferimento di una medagli d’oro alla memoria del carabiniere

Fiorentino Bonfiglio trucidato il 28 Gennaio 1946

Gela, 28 Gennaio 2001

Oggi alle ore 11, a cura dell’Amministrazione Comunale, è stata scoperta

una lapide commemo- rativa alla memoria degli otto carabinieri della caserma di Feudo Nobile trucidati il 28 Gennaio 1946.
Erano presenti oltre al Sindaco di Gela, Avv. Franco Gallo, il comandante del gruppo carabinieri provinciale, il comandante del gruppo carabinieri di Gela e diversi rappresentanti dell’arma della Finanza e della Polizia.
Una notevole folla ha assistito a tutte le fasi della cerimonia. 
Sulla lapide, benedetta da Padre Bentivegna, è stata deposta una corona d’alloro.


Successivamente il Presidente del Rotary Club di Gela, Ing. Carmelo Mangione ha consegnato nelle mani della Signora Xerra Rosaria, vedova del carabiniere Fiorentino Bonfiglio, una medaglia d’oro in memoria ed una pergamena in ricordo della manifestazione.

Insieme alla signora Xerra, gelese, era presente anche la figlia del carabiniere Bonfiglio, la Signora Rosetta, che alla fine della cerimonia a ringraziato l’Amministrazione Comunale, il Rotary Club di Gela e l’arma dei Carabinieri.

L’agguato, operato da briganti dell’epoca, vide trucidati otto militari, il brigadiere Vincenzo Amenduni ed i carabinieri Fiorentino Bonfiglio, Mario Boscone, Emanuele Greco, Giovanni La Brocca, Vittorio Levico, Pietro Loria, Mario Spampinato.

A destra un altro momento della cerimonia, con al centro il sindaco di Gela Avv. Franco Gallo, alla sua destra la figlia del carabiniere Fiorentino Bonfiglio, la signora Rosetta ed alla sinistra la signora Xerra Rosaria vedova del carabiniere trucidato.

Dietro la signora Xerra il Presidente del Rotary Club di Gela, Ing. Carmelo Mangione.   

MEDAGLIA ALLA MEMORIA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su