Concorso di poesia “Terra d’Agavi” XX° edizione

Sabato 29 Giugno 2001, presso il Club Nautico di Gela, si è svolta la cerimonia di premiazione della
XX edizione del premio di poesia
“Terra d’Agavi”.


Nella foto da sinistra: Ing. Ugo Granvillano Segretario del Rotary Club di Gela, Sig.ra Silvana Cammilleri cerimoniere del Club Nautico di Gela, Ing. Giuseppe Morselli Presidente del Rotary Club di Gela, Dr. Gianni Incardona Presidente del Club Nautico di Gela, Geom. Vincenzo Cascino vice Sindaco del Comune di Gela.

I V I N C I T O R I

POESIA IN VERNACOLO

POESIA IN ITALIANO

sezione A : Giovanni Piazza
con la poesia: Il Caliatore

sezione B : Filippo Cascino
con la poesia: Struggente cinguettio

sezione C : Premio non assegnato per mancanza
di partecipanti


sezione D : Giancarlo Costa
con la poesia: Qualcosa da dire su Gela

1° Classificato poesia in Vernacolo
SEZIONE A

Giovanni Piazza

con la poesia
“Il Caliatore”

Il poeta Giovanni Piazza (al centro) riceve il premio dal Presidente del Rotary Club di Gela, Ing. Giuseppe Morselli (a sinistra) e dal vice sindaco del comune di Gela, geom. Vincenzo Cascino (a destra)

IL CALIATORE
I

Ccu è ddocu a st’ura, ccu è ca tuppulìa,
un mumentu ca sugnu scumminata,
oh bedda matri, vegnu, camurrìa,
sta cadennu u palazzu o c’è vampata,
cà, sugnu, oh, siete voi, signor barone,
aspettasse ca tiro il caviglione.

Il

S’accomodasse, prego, e m’ascusasse
se l’arricevo in sèmplice prisenza
ma ormai sto cunzumata dalle tasse
e m’arristò pissoio sta licenza.
Cchi ddici so mugghieri, stavi bbona?
Minni compiacciu per la sua pirsona.

III

Pippinu? No, nun c’è, non ha tornato,
quello attravagghia di jurnata sana
ca pari cchiù vinnuto che impiagato
e poi la sira si la passa ‘nchiana
a circari radici p’arruttare,
sa, è scapolo e si deve assistemare.

IV

Puro Samanta, puro vostra figghia
non è tornata a casa questa sera?
Cu stu friddu, ca fora già si ‘ngigghia,
a carusa, e sarà ddocu darrera.
Le quattro, sono? Certu, è tarduliddu,
speci se si accondidera stu friddu.

V

E chi c’entra Pippinu, erano ziti
ma d’ora che si avevano lasciati.
Sinni fuinu! E comu lu sapiti?
Trovàstivo il pizzino! Ah, svergognati,
senza dìrimi nenti, e chi cc’è datu,
vilenu, a stu figghiazzu sbiddicatu.

VI

Era ancora tutt’ossa e dibulizza,
nisciutu piccom’è dall’esaurito,
e ti va conza questa gran spirtizza!
Certo, il caruso ci arrestò ferito
quannu ca lei, caru baruni miu,
ci dissi no, mancu si vveni Ddiu.

VII

Ca essennu figghia di bbaruni veri,
di nòbbili casata e di biddizzi
ca fanu sdirrupari cantuneri
non ci arrivasse mancu cu li sbrizzi
a pigghiàrisi un povíro impiagato
chi a fini misi è sempri accunzumato.

VIII

E quello cià arrestato male assai
e i primi tempi si pigghiò d’abbili
tantu ca ci appassammo i beddi guai
e a quattru jorna persi setti chili.
Ma la testa, l’ha avutu sempri ddà
eil risortato è cchistu ca sì sa.

IX

Ma chi, baruni miu, chi va circannu,
chi spera ca il misfatto non ci fu
e ancora ancora nu cià statu dannu?
Ma lei, con la sua zita, in gioventù,
quando stavate assuli a ore a ore
s’alluntanava lei dal caliatore?

X

Pi ddu discursu dda, di focu e pagghia
m’arrisulta ca lei non disdignava,
a tagghiu a tagghiu eppoi cu’ngagghia ‘ngagghia,
tantu ca pi gran fama arrisultava,
scusasse se la ‘mpenno para para,
un beddu spicchiu di mènnula amara.

XI

Criscennu, poi, si penza e si arraggiona
e i giòvani ci apparono strammati
ma ogni ccosa ca fanu, o tinta o bbona,
vanno accapiti e arriconsideratì
ca s’arripenzu a mmìa, carusa e un pocu,
la facci m’addiventa tutta un focu.

XII

E astura è cumminata, la ‘mpagghiata,
nun c’è Cristu ca teni, è gioventu,
vò ddiri, pi ccu sa, testa svintata,
fatta la cosa, nun la penza cchiù,
non ti ascùtano mancu a ittari vuci,
scrìvici carni i porcu e facci cruci.

XIII

Taliasse dda unna su, stanu turnannu,
dda ‘nfunnu, ha vistu? Dda, manu ccu manu,
mutu, baruni, senza fari dannu,
sinnò stavota veru si nni vanu
ca si vulemu fari i troppo frubbi
ci appizzeremo l’àsino e i carrubbi.

XIV

Però, chi su bidduzzi, misi o cantu,
si agguardano ntall’occhi e sunnu persi
su nnamurati e nui sapimu quantu
su nnamurati e ssù tutti diversi
lassàmuli sfugari, cchíù a dda via
ci avremo tempo per la camorrìa.

XV

Ci avremo tempo a fàrici capiri
ca la vita non è strùmmuli e sciuri,
ca stari sempri insiemi voli diri
passari tempi moddi e tempi duri,
ca esisti tanta ggenti ammenzu e guai
ca tempi moddi. nun n’ha vistu mai.

XVI

E poi, barone, questo sposelizio
ci sta coi parmo e la gnutticatura
cussì mi allevo puro quarchi sfizio
e mangiu carni inveci di virdura
pirchì in sustanza, di sta bbarunìa,
na pizzicata attocca

1° Classificato poesia in Italiano
SEZIONE B

Filippo Cascino

con la poesia
“Struggente cinguettio”

Il poeta Filippo Cascino (al centro) riceve il premio dal Presidente del Club Nautico di Gela, Dr. Gianno Incerdona (a sinistra) e dal Past-President del Rotary Club di Gela, geom. Salvatore Morselli (a destra)

STRUGGENTE CINGUETTIO
Dammi la tua mano,
Mamma,
fuori: è tutto
un color di primavera.
Con passo lento,
ce n’andiamo
nell’aria profumata
della sera.
Mentre
ti stringi a me
così fiera,
guardo,
con pena,
il corpo tuo smagrito;
si specchia
nei miei occhi
e par di cera,
il volto tuo
pallido e sfiorito.
E penso
a questo mio
cuore impaurito
e al tempo che passa,
inesorabilmente.
Ti soffermi
e mi guardi:
hai già capito
quali pensieri
mi turbano la mente.
Guardo in cielo
un passero che vola,
struggente cinguettio
il suo richiamo.
Tu,
mi sussurri
un’ultima parola
e verso casa,
Mamma,
ritorniamo.

1° Classificato poesia in Italiano
SEZIONE D

Giancarlo Costa

con la poesia
“Qualcosa da dire su Gela”

Il poeta Giancarlo Costa (al centro) riceve il premio dal Presidente del Rotary Club di Gela, Ing. Giuseppe Morselli (a sinistra) e dal cerimoniere del Club Nautico di Gela, sig.ra Silvana Cammilleri

QUALCOSA DA DIRE SU GELA
Una pietra antica
gettata nel vuoto
fuori dallo spazio e dal tempo
eppure respira viva.
Ogni roccia
ogni goccia di mare
ogni soffio di sabbia nel vento
sanguina in silenzio orgoglio
sgomento che scorre nella suo fossa
di deserto. Di passato.

E i distratti spettatori dell’agonia
i figli della madre, io e voi.
mai rabbiosi, mai vincenti
sconfitti nella polvere sconfitti nelle stelle
anonimi riflessi di celebrate polveri
di oppressori e oppressi
di ammassi di fango, di ammirazione e onore
per la vergogna.

Sarà questo colle fertile di fumo nero
il golgota di tutti gli ulisse che vi giungeranno
per cambiare, ingannati da spettri di bellezza
dalle tombe degli dei, giunti qui a morire.

Le rena corrotta di oliose macchie
l’ultima spiaggia di ogni viaggiatore.
Sarà di miserie e sangue
il verso sulle strade dell’alienazione
la nostra colpevole vocazione.

A porsi la mano sul viso stanco
e allora fuggiremo lontano
nel lavoro, nel potere, nel denaro
via con la mente da questo morbo senza cura,
lasciandola morire
su se stessa, questa aspra terra natia
amara ancora del suo sole
e sentiamo la codardia del nostro dolore,
dimenticandola,
Mio ipocrita lettore.

Concorso di poesia “Terra d’Agavi” XX° edizione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su