CONCORSO DI POESIA “TERRA D’AGAVI” IXX° EDIZIONE

Sabato 23 Giugno 2001, presso il Club Nautico di Gela, si è svolta la cerimonia di premiazione della XIX edizione del premio di poesia “Terra d’Agavi”.

agavi1.jpg (38671 byte)

Nella foto da sinistra: Dr. Rosario Greco Presidente del Club Nautico di Gela , Ing. Carmelo Mangione Presidente del Rotary Club di Gela, Avv. Elisa Nuara vice Sindaco del Comune di Gela, Rosario Crocetta assessore turismo e spettacolo del Comune di Gela, Dr. Gaetano Trainito presidente commissione giudicatrie del premio.

I    V I N C I T O R I

RACCOLTA POESIE
IN DIALETTO SICILIANO
RACCOLTA POESIE
IN ITALIANO
1° Classificato: Rocco Vacca
con la raccolta: Vulari senz’ali   

2° Classificato: Anna Marchese
con la raccolta: Du’ sordi

3° Classificato: Mauro Cavallo con la raccolta: Lu pueta mmalarittu
1° Classificato: Francesco Piscopo con la raccolta: Vedute con giardino

2° Classificato: Alfredo Di Marco con la raccolta: Il giorno dell’amore

3° Classificato: Benito Galilea con la raccolta: Quando la luna ospita i pensieri

Rocco VaccaRaccolta: Vulari senz’ali

A mi patri
Patri, juntu a stu puntu vogghiu fari
u risucuntu di sta vita mia;
taliannu arreri vogghiu riturnari
ppi lu caminu chi piaciva a tia.
E mi riordu quannu picciriddu
pigghiannu u libru chi purtava a scola
ti bbuffiniava e taliannu a iddu
ogni tanticchia ci faciva a spola.
Patri, mà pirdunari. Sta sunata
a fazzu ppi l’inchiriti lu cori;
ppi dariti priizzi da cuntrata
e diri chi to figghiu cunta stori.
E se a ma vita fici n’atra strata
illuditi chi àppi li ma glori.     

1° Classificato poesia in Vernacolo

Il poeta Rocco Vacca (a sinistra) riceve il premio dal Presidente del Rotary Club di Gela, Ing. Carmelo Mangione

Francesco Piscopo – Raccolta: Vedute con giardino

A Pirandello
Pino debole solitario
La madre terra sparge senape
vermiglia e tufi d’arenaria.
Sul dorso d’un macigno levigato
pare un satiro centenario
l’avello odiato del Kaos,
le filigrana della vita
traspare di pietà nel tuo teatro.
La pioggia d’aghi, rena scintilla
salati umori d’erbe cocciute
le contorte radici uncinate
sotterranee fedeli compagne,
vago sogghigno o sole a smeriglio
l’ossa stritola, o casta Giunone,
la Concordia accende la testa
discoperto è il dramma del fu Mattia.
Onde altezzose, lavici orgasmi
le sconquassate erme dei Titani
e sulla tua vista tarlata
brulica l’esantema del colera.   


1° Classificato poesia in Italiano

Il poeta Francesco Piscopo (a sinistra) riceve il premio dal Presidente del Club Nautico di Gela, Dott. . Rosario Greco

Anna Marchese – Raccolta: Du’ sordi

A risata
Un ci puzzu pinsari a chidda vota
quannu cadivu ‘nterra ‘nmizz’a strata
i cunfunnuta e tutta affruntata
iddu ‘ncusciutu ppi la gran risata.
I ccu na manu mi calava a vistina
e ccu l’antra arricugliva li cusuzzi
ca da borsetta scappavanu luntanu
e iddu si gudiva tutt’a mpinta
senza di mia fari nudda cuntu.
“T’amo tanto” diciva “tesoro caro”
ma quannu arramazzavu ppi la via
l’amuri so ristà dintra lu cori
e a so risata mi fici cumpagnia. 


2° Classificato poesia in Vernacolo

Alfredo Di Marco – Raccolta: Il giorno dell’amore

Un letto di nuvole
Vino rosso le tue labbra
baci come brezza il fiore,
ami come acqua la terra
arsa delle colline,
ma giochi a cogliere la luna.
Eppure il grano del tuo campo
aspetta di essere falciato
e mi rapisce la magia
dei tuoi occhi che scavano
nelle miniere dell’anima
a cercare abbracci
densi di passione.
Vorrei spezzare il pane
alla tua casta mensa,
assaporare
il caldo respiro della notte,
l’occhio del silenzio ad osservarci
mentre c’inchiodiamo
carne con la carne
fino a sentirci un solo corpo
e a chiamarci con un solo nome.
Ma tu aspetti che passi
vento sulle strade
a ripulire foglie
d’impossibili desideri
come se fosse facile per me
smettere di sognare
un letto di nuvole
sul quale amarti
con dolcezza eterna.    


2° Classificato poesia in Italiano

Mauro Cavallo – Raccolta: Lu pueta mmalarittu

La vita
Lu sapiti
cchi’è la vita?
è ‘n ciusciu ri vientu!
sulu ‘n ciusciu
ca movi na fogghia!
è nu rriscuopputu
i ‘n cori i cardiddu!
nu rriscuopputu
e nnenti autru!
‘n sautu ri buffa
na ‘n pantanu
‘n sautu sulu
nu bulazziuni!
chissa è la vita!
ma niautri…
circamu i fari scrusciu…
scrusciu!
ma lu tiempu..nun ‘nni senti!
simu sulu
‘n cuorpu i cigghiu!
‘n cuorpu i cigghiu!
sulamenti!

3° Classificato poesia in Vernacolo

Benito Galilea – Raccolta: Quando la luna ospita i pensieri

Settembre
Primo viaggio di foglie in marina:
sugli occhi quieto mi riposa
un lievito di spigo.
Arsa
terra che s’infradicia di tuoni
in limpida luce nella conca:
precoce festa ai piedi delle lepri.
Negli spiazzi, fanciulli in fiocco bianco
hanno il giorno nascosto nelle tasche.
Sciamano. Annunciano già
una marea di gridi ai vetri.

3° Classificato poesia in Italiano

CONCORSO DI POESIA “TERRA D’AGAVI” IXX° EDIZIONE

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su